zum Inhalt
zur Hauptnavigation

Unternavigation

Turismo


Cittá gemellate con Dachau

Klagenfurt

Klagenfurt é il capoluogo della Carinzia, la regione federale piú meridionale dell'Austria.
Fu la prima cittá ad essersi gemellata con Dachau nel 1998.
Essa conta circa 92000 abitanti ed é ubicata in un'ampia conca affacciata sul lago Wörthersee ed é attraversata dalle propaggini meridionali delle Alpi orientali. La cittá, che reca il Lindwurm nel suo stemma, fu fondata nel XII secolo e si distingue oggi per la sua vivace attivitá economica, la presenza di un'universitá e soprattutto per l'alta qualitá delle strutture ricreative, il cui sviluppo é stato influenzato in modo determinante dalla vicinanza del lago e delle montagne circostanti. Posta al crocevia tra le culture germanica, neolatina e slava, Klagenfurt si é vista proiettare da una collocazione un tempo marginale in una posizione oggi più che mai vantaggiosa per sé e per i suoi abitanti: quella di ponte verso la cultura ed imercati dell'Europa medio-orientale. Le corti del centro storico di Klagenfurt offrono ambientazioni ideali per diverse manifestazioni: tutto l'anno si svolgono mostre, feste, party, o altri piccoli eventi di qualitá che esercitano un fascino particolare. A completare l'offerta culturale vi sono innumerevoli musei e gallerie che ospitano opere d'arte di eccezione. www.klagenfurt.at 

Fondi

Fondi é un comune di circa 36.000 abitanti della provincia di Latina, situato nel sud pontino e metá strada tra Roma e Napoli, sul tracciato storico della Via Appia.
Il nucleo urbano di Fondi é situato nell'omonima piana distesa ai piedi dei monti Aurunci e Ausoni, che la chiudono su tre lati e aperta a sud verso il mar Tirreno. I rilievi circostanti, culminanti nel monte Fate (1090 m) e nel monte Calvilli (1102 m), alimentano le falde idriche della piana, che risulta ricchissima di acqua, come testimonia la presenza di oltre 20 sorgenti e 3 laghi. Tale abbondanza idrica ha reso necessarie nei secoli ingenti opere di bonifica, iniziate nel XVII secolo e concluse solo nella prima metá del Novecento, per trasformare gradualmente il territorio paludoso in una fertile zona agricola. La costa, che si estende per circa 13 km tra Terracina e Sperlonga, è bassa e composta da una spiaggia di sabbia fine, orlata in alcuni tratti da una duna litoranea ancora ben riservata. Il primo riferimento storico alla cittá di Fundi risale al IV secolo a.C. quando essa ricevette la cittadinanza romana senza diritto di voto. In epoca imperiale una parte del suo territorio era entrata a far parte del demanio imperiale, probabilmente a causa dei possedimenti della famiglia di Livia Drusilla, moglie dell'imperatore Augusto e madre di Tiberio, nata a Fondi.
Fondi é menzionata inoltre nelle fonti antiche per una importante produzione vinicola, ed in particolare per il prestigioso Cecubo, un vino bianco e liquoroso che fu esaltato in poesia da Orazio.

Nel 1378 Onorato I Caetani riuní a Fondi il conclave che elesse l'antipapa Clemente VII, in opposizione al legittimo pontefice Urbano VI ( Scisma d'Occidente).
Passata in seguito sotto il dominio aragonese, venne concessa in feudo ai Colonna-sotto i quali conobbe un rinnovato splendore artistico e culturale grazie alla ricchezza della corte di Giulia Gonzaga, che vi si stabilì dal 1526 al 1534. Le favorevoli condizioni climatiche e l'abbondante irrigazione hanno favorito un'intensa vocazione agricola del territorio. L'economia locale é quindi fortemente legata alla produzione e alla distribuzione dei prodotti agricoli. La tradizionale destinazione del territorio ad agrumeto é stata soppiantata in anni più recenti da un'intensa coltivazione di ortaggi, primizie in serra e frutta di ogni tipo.
Fondi é sede del secondo centro di distribuzione agroalimentare all'ingrosso d'Europa (M.O.F.) secondo solo a quello di Parigi, che movimenta circa 1,15 milioni di tonnellate di prodotti ortofruttivoli all'anno. Fondi é gemellata con Dachau dal 1998.           www.comune.fondi.lt.it

Amicizie artistico-culturali

Agli inizi del secolo XIX molti artisti abbandonarono i loro atelier cittadini e le accademie artistiche per raggiungere le zone di campagna. Lí traevano inspirazione dal paesaggio e dalla semplicitá della vita campestre. In seguito allo sviluppo della pittura paesaggistica e alla fama di Barbizon, in quasi tutta l'Europa si costituirono ca. 200 nuove colonie artistiche.
In queste colonie nacquero parecchi capolavori della pittura del XIX secolo e del XX secolo.
Molte colonie artistiche conservano tuttora nei loro musei e nelle gallerie prestigiose collezioni pittoriche riguardanti quel periodo, e sono inoltre centri in cui vivono artisti che si dedicano alla pittura contemporanea.
EuroArt é una associazione comprendente 80 membri provenienti da oltre 20 paesi Europei, che si dedica alla cura e alla conservazione di questo comune patrimonio culturale. La cittá di Dachau e giá dal 2002 membro di  euroArt.
Dal 2005 Dachau cura con le colonie artistiche di Renkum (Paesi Bassi) e Tervuren (Belgio) un rapporto di amicizia artistico-culturale.
Dachau cura anche intensi rapporti di amicizia con la cittá di Aregua in Paraguay.

www.euroart.eu

[Translate to Italienisch:] Ansprechpartner Städtepartnerschaften:

Renate Kiermair Tel.: 08131 - 75161 Rathaus IV
E-Mail: kulturamt@dachau.de Fax: 08131 - 7544150  

Deutsch English Italian    |    M    L    XL

Wetter in Dachau
© meteo24.de

MVV Fahrplanauskunft
Uhrzeit
Datum
Abfahrt
Ankunft
© MVV