zum Inhalt
zur Hauptnavigation

Unternavigation

Turismo


Centro Commemorativo di Dachau

Il 20. Marzo 1933, il Reichsführer delle SS- nonché presidente del presidio di Polizia di Monaco, Heinrich Himmler, comunicò l’apertura del primo campo di concentramento in Baviera.

Il campo fu aperto all’interno della ormai dismessa “ Fabbrica reale di munizioni e di polvere da sparo”, che fu costruita nei pressi di Dachau durante la prima guerra mondiale.

I primi prigionieri politici, che arrivarono nel campo di concentramento di Dachau il 22. Marzo 1933, furono prigionieri politici, soprattutto appartenenti al partito comunista, a questi si aggiunsero dopo anche socialdemocratici.

Il secondo comandante del campo di concentramento di Dachau fu Theodor Eicke che il 26. Giugno del 1933 sostituì il suo predecessore Hilmar Wäckerle. Egli fece del campo di concentramento una “ scuola di violenza” (Hans Günter Richardi).

Qui Eicke sviluppò il sistema dei campi di concentramento nazisti e istruì i sorveglianti SS secondo il principio dello “spirito di Dachau” cioè senza alcuna pietà. (Rudolf Höß). Le sue pretese trovarono il culmine nella frase “ Tolleranza è sinonimo di debolezza”.

Il campo di concentramento di Dachau fu considerato dalle SS un campo “modello”, infatti, fu da esempio per tutti gli altri campi di concentramento, soprattutto dal momento in cui Eicke, il 4. Luglio 1934, divenne ispettore di tutti gli altri campi di concentramento e capo delle squadre di sorveglianza delle SS. Eicke ordinò la violenza in tutti i campi di concentramento.

Gli austriaci che furono arrestati dopo l’annessione della loro patria, il 13. Marzo 1938, furono i primi prigionieri stranieri che arrivarono nel campo di concentramento di Dachau. Sul posto trovarono anche altre categorie di prigionieri come: Sinti e Rona, ma anche persone diffamate come fannulloni, che riscuotevano il sussidio sociale, mendicanti, omosessuali e testimoni di Geova.

 

 

In seguito alla “Notte dei cristalli”, avvenuta nella notte tra il 9./10. Novembre 1938 ai danni della popolazione ebraica, furono deportati nel campo di Dachau 10.911 ebrei.
Nel Marzo del 1939 arrivarono prigionieri dalla Cecoslovacchia e nel corso della seconda guerra mondiale, a questi si aggiunsero prigionieri dalla Polonia, l’Unione Sovietica, l’Olanda, la Francia e altre nazioni Europee. Molti di loro non sopravvissero.

Divennero vittime del terrore delle SS, morirono di fame e di freddo, durante i lavori forzati, di malattie e di epidemie. Nel campo di concentramento di Dachau tra il 1933 e il 1945 degli oltre 206.00 prigionieri registrati provenienti da oltre trenta Nazioni diverse, ne morirono più di 40.000.

In memoria dei morti del campo di concentramento di Dachau oggi sul posto si trova un Memoriale con museo, archivio e biblioteca, fondato il 9. Maggio 1965, in occasione del ventesimo anniversario della liberazione di Dachau. La liberazione avvenne il 29. Aprile 1945 da parte degli americani.
Oggi il Memoriale di Dachau si assume il compito di essere non solo un luogo di commemorazione ma anche luogo di apprendimento.

Il memoriale di Dachau è amministrato dalla Regione Baviera, Ministero della Istruzione, della Cultura e delle Scienze.

 

 

Orari di Apertura del Memoriale ex campo di concentramento

Alte Römerstraße 75
85221 Dachau

Apertura giornaliera dalle 9 alle 17
chiuso il 24 Dicembre
L’ingresso è libero

Visite guidate per il singolo visitatore:
www.kz-gedenkstaette-dachau.de

 

Visite guidate per gruppi:
Tourist-Information Dachau
Tel. 08131 – 75287
E-Mail: infobuero@dachau.de

 

La Cittá di Dachau ha pubblicato una “Guida storica di un’epoca”, acquistabile presso l’ufficio di informazione turistica o tramite Internet qui

Website:   http://www.kz-gedenkstaette-dachau.de
E-Mail:      info@kz-gedenkstaette-dachau.de

Deutsch English Italian    |    M    L    XL
  • Facebook
  • Twitter
  • Google
  • delicio
  • Linkarena
  • Mr. Wong

Wetter in Dachau
© meteo24.de

MVV Fahrplanauskunft
Uhrzeit
Datum
Abfahrt
Ankunft
© MVV